02/10/13

Le piante urbane

La forma di una città è data dagli edifici o, per meglio dire, è data dal rapporto tra la parte costruita (gli edifici) e gli spazi lasciati vuoti (le vie, le piazze etc.). 
Le piante urbane non si limitano a delineare la topografia della città, ma restituiscono anche una determinata "visuale" delle città.
La maggior parte delle cittè d'Europa si sono sviluppate attorno ad un punto che fungeva da riferimento fisico o sociale. Questo elemento nelle città italiane è stato un castello oppure un edificio religioso (una cattedrale) o un edificio civile (un municipio).

In base alla pianta della città si distinguono due principali modelli di città: città con pianta a scacchiera e città con pianta radiocentrica. La pianta a scacchiera è molto diffusa ed è alla base di molte città, da quelle antichissime a quelle progettate in età moderna. Le città con pianta a scacchiera si caratterizzano per strade diritte, parallele tra loro ed incrociantisi ad angolo retto. Tra le città italiane che hanno ancora il centro storico marcato da questa ripartizione a maglie quadrate vi sono Aosta e Torino. 

Pianta del centro storico di Torino
In età moderna e contemporanea ritroviamo lo stesso schema in alcune città del Nordamerica come Chicago o altre piccole città delle pianure del Middle West. 

La pianta radiocentrica (Milano, Bologna) denota invece la convergenza di svariate vie di comuniaczione verso un punto centrale. Specialmente nelle aree pianeggianti questo modello si ritrova sia all'incrocio di strade terrestri, sia all'incontro di vie fluviali (Mosca).

Pianta del centro storico di Milano
I raggi che si dipartono dal centro sono spesso collegati da circuiti circolari, che talvolta seguono il percoso delle vecchie mura abbattute, come nel caso dei cosiddetti bastioni a Milano o dei viali a Firenze. 

Va sottolineato però che questi due schemi sono una semplificazione e che la realtà delle città dal punto di vista urbanistico è molto più complessa e spesso si caratterizza anche per la sovrapposizione di tipologie di schemi diversi. L'originario modello di pianta urbana poi è spesso alterato per adattarsi alle caratteristiche morfolofiche o agli ostacoli naturali (penso ai sette colli di Roma che oggi sono poco riconoscibili!)


Mi piace concludere parlandovi delle piante regolari (dette anche formali o di prestigio). Queste piante sono quelle delle città progettate a tavolino e la cui forma ha particolari valori simbolici (Brasilia, Palmanova etc.).

Foto aerea, Palmanova (Friuli)
La città di Palmanova (Friuli), vista dall'alto, ci appare come una stella con 9 punte. 

Possiamo affermare che è la città della "numerologia" per eccellenza perché risulta essere costruita sul numero 3 (il numero simbolo della perfezione).

Difatti ha:

-  9 bastioni di fortezza e cerchie di mura
  3 porte di accesso rivolte verso Cividale, Aquileia e Udine
-  18 strade radiali di cui 6 le principali
-  una piazza centrale di forma esagonale






Nessun commento:

Posta un commento